MOVIMENTI SACRI: ASHA

Noi non insegniamo una danza o una sequenza di movimenti che, nel migliore dei casi, sarai capace di imparare e usare per un certo periodo e che, con il tempo e la mancanza di pratica, semplicemente dimenticherai oppure perderanno la loro efficacia perché ripetuti una infinità di volte.

Noi non riproponiamo movimenti e sequenze che hanno un valore sempre relativo e che molto spesso vengono insegnati senza considerare i requisiti fisici e psicologici necessari, generando un circolo vizioso e non uno virtuoso dal punto di vista fisico, mentale, emozionale ed energetico.

Noi insegniamo il modo di arrivare alla fonte stessa dei movimenti -dove coscienza, energia e movimento si fondono in una sola unità, dalla quale i movimenti nascono spontanei- sia per affrontare la vita quotidiana che quella spirituale.

Noi insegniamo una tecnica molto antica chiamata Asha, che fondamentalmente è una tecnica meditativa che richiede sincerità e perfetto autocontrollo.

Quando pratichi le tecniche con sincerità, Asha conduce a una di queste due realizzazioni. Con la prima comprendi che non puoi più essere soddisfatto con i tuoi meschini desideri. Giungi a comprendere che c’è soltanto un grande desiderio che vive nel tuo cuore, il re dei desideri, la tua brama per la realizzazione. Tutti gli altri desideri diventano subordinati a esso e la tua vita cambia di conseguenza.

Il corpo, per esempio, usa energia per muoversi, però, se non lo fa nel modo corretto, usa più energia di quella che dovrebbe e quindi “consuma energia” in una misura maggiore di quella che avrebbe dovuto. Questo eccesso costante produce un continuo deficit di energia in differenti aree della nostra macchina. 

Praticando Asha, insegniamo come il movimento in effetti si trasformi in un approccio meditativo, che permette di lavorare in modo perfetto su molteplici livelli: fisico, emozionale, mentale ed energetico.

Normalmente, le persone sono programmate per agire secondo le loro azioni passate e le limitazioni imposte dal mondo.

Quando iniziate a pratica Asha, inizialmente, semplicemente, vi deprogrammerete.

L’Asha corporeo lavora su differenti livelli. Vivere nelle città, per esempio, ci fa dimenticare come muoverci autenticamente e liberamente. Le persone sviluppano l’abitudine di mantenere pose rigide e innaturali, che deprimono non solo la nostra psiche e il modo in cui ci relazioniamo con ciò che ci circonda, ma soprattutto impediscono all’energia di circolare adeguatamente.

Praticare Asha migliora lo sviluppo armonioso della “Macchina Umana” e sviluppa abilità speciali, secondo le esigenze degli uomini moderni.

L’approccio metodico a questa disciplina, i concetti necessari per comprenderne le funzioni e il simbolismo contenuto in questi esercizi consentono ai discepoli di ottenere benefici più sostanziali per la loro crescita interna.

Questi sono alcuni dei principali vantaggi di questa pratica:

– un equilibrio tra i centri, fisico, emotivo e intellettuale el’armonizzazione delsistema nervoso;

– una migliore comprensione delle dinamiche che si verificano nel nostro corpo fisico;

– una presa di coscienza dei limiti fisici del nostro corpo e delle aree dove le tensioni si accumulano; 

– il raggiungimento di nuovi comportamenti per evitare la perdita di energia attraverso meccanismi meccanici o movimenti che vengono fatti durante la vita quotidiana;

 – la combinazione di un certo tipo di respirazione con uno specifico movimento del corpo per installare l’abitudine ad un respiro più naturale;

– sviluppare una migliore concentrazione attraverso la contemplazione emotiva e intellettuale dei simbolismi della Geometria Sacra contenuti in ciascuno degli esercizi di questa pratica;

– la capacità di migliorare l’attenzione divisa che consente al discepolo migliori abilità per la pratica dell’auto osservazione.

Asha pone fine alla programmazione, pone fine alla schiavitù.

Asha pone fine alla programmazione, pone fine alla schiavitù.

Esistono due livelli di programmazione al quale siamo sottoposti come esseri umani: una sociale e l´altra genetica. Veniamo programmati sin da quando siamo bambini dalla società che, per garantire la sua stessa sopravvivenza, inculca in noi modelli di comportamento sociale. Per una persona ordinaria è estremamente difficile liberarsi da questi modelli, ma è decisamente più difficile il processo di rimodellamento dei nostri codici genetici di comportamento che servono a preservare la specie.