LA MACCHINA UMANA

La parola “macchina” non dovrebbe essere intesa in senso negativo, ma piuttosto enfatizza la precisione e la complessità dei meccanismi che rendono l’essere umano così com’è. Lo studio della struttura umana è fondamentale per conoscere se stessi.

Da dove vengono le emozioni e i pensieri? Qual è la fonte dell’energia fisica? Perché percepiamo il tempo e noi stessi in modi diversi? Perché non possiamo liberarci delle emozioni negative? Dove viene generata e qual è l’energia sessuale? E come usarla nel nostro sviluppo personale? Come sorgono i diversi stati di coscienza?

Siamo in grado di ottenere le risposte a queste e altre domande fondamentali, ma solo se siamo in grado di studiare la macchina umana e le sue varie manifestazioni e generare un processo di auto-osservazione, integrando tutti questi e altri punti in uno studio completo di questo tema. 

Questo aspetto del lavoro si basa sullo studio teorico come base per l’applicazione pratica dei concetti appresi. Con questo metodo si studiano i “centri” associati alle varie funzioni mentali e fisiche della struttura umana: intellettuale, emotiva e fisica. Oltre a tutto questo, studiamo i vari stati di coscienza, i fondamenti della personalità, l’osservazione e la consapevolezza, il processo di condizionamento e meccanicità, e la differenza tra ciò che pensiamo sia reale e ciò che è reale in tutta la sua profondità. Stiamo parlando di uno studio profondo e preciso della natura umana il cui obiettivo principale è sviluppare una reale capacità di comprendere se stessi.

Attraverso lo studio e l’applicazione della conoscenza delle nostre funzioni e reazioni meccaniche, si può avere un reale controllo nella vita, ottenendo un cambiamento radicale in ogni aspetto della nostra esistenza.

Ogni uomo deve diventare un artigiano che fa di ogni giorno della sua vita un’opera d’arte, mantenendo costantemente una relazione armoniosa tra i suoi pensieri, i suoi sentimenti e le sue azioni.

L’uomo, al giorno d’oggi, è come una macchina pazza e mal funzionante; è imprescindibile lavorare per riequilibrarla.

L’uomo ha la possibilità di crescere e di trasformarsi in un essere di livello superiore rispetto alla sua condizione di nascita, però, questa possibilità all’uomo ordinario rimane preclusa, giacché non accede mai alla conoscenza capace di fargli capire come trasformarsi in un meccanismo per la trasmissione, distribuzione e trasformazione dell’energia “cosmica” e, quindi, la sua morte segna solo l’interruzione della sua possibilità evolutiva e, quindi, la sua completa scomparsa.

Però, al contrario, alcuni ricevono la possibilità di scegliere se rimanere come sono dalla nascita, delle “bestie al servizio della natura” o lavorare per essere in grado di servire un destino più alto.

L’uomo, così com’è oggi, realizza il suo destino seguendo la voce della sua mente ordinaria, che lo fa vivere meccanicamente e, il più delle volte, inconsciamente, lo conduce rapidamente al suo destino finale: la morte.

Esiste però anche un altro modo di vivere, un modo di vivere cosciente, dove ci si  comporta in modo sempre responsabile delle proprie azioni, senza identificazioni, senza la manifestazione di emozioni negative,  sentendo il corpo, crescendo giorno dopo giorno, inesorabilmente.

La saggezza fluisce dal cuore

Sarai più vicino al tuo Maestro se diventi capace di rimanere semplicemente in ascolto: senza anticipare né giudicare. La saggezza fluisce dal suo cuore al tuo cuore, attraverso l’esperienza del silenzio interiore.