IL CORPO KESDJAN

Secondo le nostre tradizioni più antiche, gli esseri umani sono di doppia natura; abbiamo un corpo fisico, che è composto da materiale terrestre e il corpo Kesdjan, che è composto di “materiale” proveniente dai “pianeti”, ma questo secondo corpo esiste solo come un corpo potenziale.

Tutto il materiale presente in questo sito contiene elementi che portano a questo punto: la cristallizzazione di un corpo superiore.

Se le persone riuscissero davvero a cogliere l’idea di dover cristallizzare i loro corpi più sottili, il loro atteggiamento generale nei confronti della  vita e dell’esistenza in generale cambierebbe.

Tutto quello che i vostri genitori vi hanno insegnato sin dai vostri primi giorni di vita, tutto quello che sapete o credete di sapere, la competizione costante con gli altri per fare più soldi o per essere i

migliori, la vostra completa mancanza di preoccupazione per quello che fate agli altri e molto altro ancora, sono modelli di vita che non hanno più nessuna ragione di esistere, quando si arriva alla consapevolezza che lo scopo della sua vita è rappresentato dal suo processo evolutivo, e questo è possibile solo attraverso la creazione di un veicolo superiore.

Nella maggior parte delle scuole esoteriche o di meditazione, prima o poi, si parla di dirigere l’attenzione verso se stessi; Gurdjieff chiamava questo procedimento: “ricordare se stessi”.

Non ci soffermeremo molto su questo esercizio adesso, avremo modo di farlo più avanti, però, quello che ci interessa sottolineare è che molti ricercatori non hanno ancora capito che questo esercizio rappresenta il primo passo basico per poter sviluppare il corpo Kesdjan.

E mentre vedono chiaramente che dopo pochi o molti tentativi continuano a non poter controllare la propria capacità di generare il ricordo di se stessi, cosa fanno?

Si dedicano ad altro, con la speranza che si possa andare avanti percorrendo un percorso alternativo: decisamente un errore.

Attenti, non stiamo scrivendo che sarebbe possibile evolvere  solamente utilizzando il ricordo di sé, sarebbe come dire che un bambino crescerà sano e forte mangiando solo frutta; solo sottolineo che dominare questo aspetto è fondamentale.

Solo chi si è impegnato nella costruzione dell’anima può attendersi una morte onorevole; chi non l’ha fatto, ha vissuto come un folle e morirà come un cane.

Vedete, voi avete capito che l’esercizio è fondamentale, perché, se vi è stato insegnato correttamente, lo sentite e percepite chiaramente. Allo stesso tempo, capite che non riuscite a sostenerlo nel tempo,  e inoltre, adesso, vi sto confermando che è fondamentale dominarlo per poter costruire almeno il primo corpo superiore; vi domando:”Che avete intenzione di fare?”.

Se vi fermaste un momento e cercaste di ricordare le vostre ultime 24, sareste d’accordo con me nel non riuscire a ricordare tutti i momenti di queste ore, bensì ricordereste solo alcuni momenti?

Le persone più fortunate ricordano scarsamente 2 ore delle 24 ore totali prese in considerazione, però, se questo esercizio lo si estendesse a 48 o 72 ore, si ricorderebbe ancora meno. Sapete cosa significa questa piccola considerazione appena fatta?

Molte cose… Però, per voi, il fatto che un uomo, che ha 90 anni, ne abbia vissuti solo 7.5,  non vi sembra una storia un po’ triste, questa di quest’uomo?

Sottolineo questo punto, perché il ricordo di sé  è qualcosa che voi fate già normalmente, solo che non lo sapete, quindi non dovreste aver bisogno di diagrammi e disegnini per poter capire questo concetto; già lo fate. Voi ricordate voi stessi durante quelle 2 ore al giorno che si sono incise nella vostra memoria.

Adesso ci sono diversi punti che devono essere toccati al riguardo, niente di complicato per chi li conosce, però, questi li tratteremo in una sede separata.

Transitare tra i mondi

Dovete imparare a transitare ogni giorno tra diversi mondi, oltre a quello che conoscete e sapete di vivere. Il problema è che nessuno vi ha mai insegnato come sostenere i diversi mondi fino al punto che siano vissuti con la stessa intensità con la quale vivete il vostro mondo quotidiano.